Articoli

Approfondimenti

Home   Argomenti principali   Gli interventi  

AMICA SQUILLO

 

Le prostitute sono la salvezza di noi uomini

 

A me hanno insegnato che andarci è male e peccato, m'hanno fatto crescere nel senso di colpa. Poi sono arrivati i primi timidi approcci, da ragazzo. Tutto bene a quell'età comprese le difficoltà del caso, che oggi ricordo con tenerezza.

I problemi arrivano dopo, quando a molti accade di rimanere soli. L'immaginazione vola come i sogni e la nostra biologia non ci aiuta, dandoci una forte seppur sana voglia perenne di cacciare e conquistare. Rifletto spesso sulle dinamiche che uomini e donne seguono nella ricerca dell'appagamento sessuale, dinamiche diverse. Trovo importanti la bellezza e il fascino, in entrambi: vedo continuamente che gli insuccessi in amore coinvolgono sempre più spesso persone non particolarmente attraenti. Tant'è. E' la dura legge della selezione e bisogna sbattersi.

Non mi capita mai però di trovare tante donne al contempo attraenti e sole. Una donna attraente ha sempre un'ampia scelta. Magari si lamenta di non trovare il suo uomo ideale, perché è fondamentalmente una viziata: figuriamoci come può sperar di più di trovarlo una bruttina...
Di uomini attraenti e soli invece ne vedo pieno il mondo. Vale anche per noi la legge del fascino ma segue una matematica decisamente più incerta.

Cosa significa questa differenza? Che gli uomini subiscono comunque una selezione molto forte, che ha dinamiche più complesse di quella che subiscono le donne.

Così a molti capita in certi momenti della vita di essere stanchi della solitudine, di essere stanchi di cercare, di lottare. Capita di aver avuto insuccessi economici, di aver perso una relazione in cui si è investito tanto. Capita di aver perso la casa, il quartiere, i figli e gli affetti. Capitano tante cose a noi uomini che non ci vengono riconosciute. Di una cosa grazie a Dio non siamo ancora stanchi: di sognare.

Sì, perché ormai mi sono affrancato dai condizionamenti di questa società perbenista e considero il sesso come un sogno. Il corpo di una donna è di per sé come una calda spiaggia tropicale, senza neanche che debba amarla nell'essenza. Perché amare il suo corpo è amare la sua essenza. Allora la prostituta è la mia salvezza, quella l'unica in grado in quel momento di donarmi ancora il sogno, quindi la speranza.

Caccio via da me gli ipocriti che vogliono insegnarmi il bene e il male, vogliono insegnarmi qualcosa che è lontano da me, contro la mia natura. La natura umana non esiste? Allora spiegatemi tutta questa voglia, tutto questo dolore da dove vengono.

Don Benzi, me lo inizi a spiegare lei. Le chiedo per una volta di parlare di un uomo, di me. Vediamo se saprà ancora essere così buono come mostra di essere o se come immagino, mi saprà proporre una sola alternativa: una vita da castrato.
 

Roberto M.

  Home | L'associazione | I principi | Collabora | La Mailig List | Il Forum | Contattaci ©2005 Uomini3000 - Marchio registrato - All right reserved