Articoli

Home   Rubriche   Lettere ad U3  

Siete contenti?



Il nuovo governo ha tolto i fondi alle Case Rifugio per le donne. Siete contenti?

Giac - Giugno 08

__________________


Non siamo contenti.

Per come la intendiamo noi infatti la battaglia a favore degli uomini e contro il femminismo non si fonda sul fatto che gli uomini sono buoni.

Né sulla negazione di alcuna delle brutalità commesse dai maschi in ogni tempo e luogo contro le femmine, né sulla loro dissimulazione o minimizzazione.
Non ha per scopo l'impunità dei rei, né l'eliminazione di quelle tutele legali e sociali che possono proteggere le femmine dalle violenze maschili, perpetrate in qualsiasi forma. Quelle vere, ça va sans dire...
La battaglia ha ben altri fondamenti, motivazioni e scopi, che sarebbe stucchevole rielencare.

Simmetricamente è invece l'impunità delle ree, l'assenza di qualsiasi protezione legale e sociale degli uomini davanti alla violenza femminile, e prima ancora la stessa impossibilità di sostenere (e financo di pensare) a questa seconda faccia del male Questo è il problema che si solleva ponendo la Questione Maschile.

Benvenute, se e quando verranno, le protezioni contro le rapine e le brutalità femminili, le tutele preventive e quelle successive. Sotto qualsiasi forma, ivi compresi luoghi e ambienti nei quali i maschi possano ripararsi dalla furia della misandria, individuale e di massa. Ben vengano (ma non vengono...) corsi istituzionali o informali, pagine su riviste e trasmissioni tv, dibattiti e convegni, conferenze e seminari sulle nuove verità maschili. Ben vengano sussidi e contributi ai depredati dalle separazioni e case alloggio per la nuova classe di diseredati.

L'eliminazione dei fondi per le case rifugio delle femmine picchiate non porta alcun giovamento agli uomini e non interseca in alcun modo la battaglia nella quale siamo impegnati. E se lo fa è a nostro danno. A meno di voler sostenere che le femmine bastonate non esistono. Non è però negando la verità che si va avanti, ma smascherando la menzogna. Menzogna data dall'universalizzazione della violenza maschile, dalla sua moltiplicazione per 100 e per 1000, dall'occultamento della creatività, del sacrificio e del dono maschile. Dall'ingigantimento dell'ombra e dalla negazione della luce che viene dagli uomini. Menzogna centrata su questo e su tutto quel che denunciamo.

La battaglia a favore degli uomini non può essere fondata che sulla più cristallina lealtà, sulla più gelida e imparziale equanimità.
Se stiamo dalla nostra parte, come insegna il prof. Alter Ille, allora stiamo dalla parte nostra e anche da quella altrui. Qui sta l'universalità del maschile.

E tanto più stiamo dalla nostra parte quanto più siamo leali.

Le nostre passioni e i nostri sentimenti, se siamo uomini, sono subordinati alla legge. Al Logos.
E' su queste basi che U3 ha impostato la battaglia a favore degli uomini.

Dobbiamo monitorare e controllare la deriva dei nostri sentimenti e dei nostri risentimenti e sottometterli alla legge del Logos.
Quella è la legge delle leggi. Al di fuori di essa vi è soltanto il regno del rancore.

R. B.

  Home | L'associazione | I principi | Collabora | La Mailig List | Il Forum | Contattaci ©2005 Uomini3000 - Marchio registrato - All right reserved