Approfondimenti

Home   La realtà   Archivio forum biennio 2004-2005   Archivio 23   la presunta superiore intelligenza femminile  

la presunta superiore intelligenza femminile



Uomini 3000

Discussione: la presunta superiore intelligenza femminile Cominciata da MICHELINO SCHUMACHER
Parte 1 di 1   

MICHELINO SCHUMACHER 12/10/2005, 08:38

tutti dicono che le ''femmine'' son piu' intelligenti,giusto??? Che vanno meglio a scuola ecc.....
Allora io vorrei sapere come mai:
1 Le mie pagelle del liceo erano composte esclusivamente da 8 e qualche 9
2Ero il migliore della mia classe (quindi anche delle ragazze)
3 Ho ottenuto una borsa di studio per meriti scolastici
4 Ho preso 100 alla maturita' classica

Mah,si vede che sono una donna e non me ne sono accorto,che vi devo dire.....anzi ''che t'aggia ricere'' in napoletano
Zlatan Ibrahimovic n.9 12/10/2005, 17:42

Anzi aggiungo che riscontravo una certa invidia e ostilita' da parte delle mie compagne di scuola a causa del mio rendimento scolastico....considerato che passavo molto meno tempo di loro a studiare e avevo voti piu' alti.....
Zlatan Ibrahimovic n.9 12/10/2005, 18:50

secondo me è un punto da approfondire questo
animus 12/10/2005, 20:09

Zlatan Ibrahimovic n.9, ma cosa vuoi approfondire.

E' talmente ovvio che gli uomini sono piu' intelligenti e capaci delle donne....

Le donne parlano e basta, ma poi per poter arrivare ai vertici delle aziende devono farlo con le azioni 'positive', perche altrimenti se dovessero arrivarci per meritocrazia, resterebbero incollate per sempre ai piedi della piramide.

L'esempio evidente e' la Norvegia, che non si puo' certo dire essere un paese maschilista, le aziende preferiscono pagare le multe che mettere 'a forza' le donne ai vertici.

Ho letto che entro il 2007, le aziende che non avranno il 40% di donne dei consigli d'amministrazione, verrano chiuse.

Questa e' la dimostrazione della 'capacità' e dell'intelligenza femminile.


animus 16/10/2005, 09:22

Lo riporto.

Norvegia: a rischio di chiusura le aziende che assumono poche donne

“Le aziende la stanno tirando troppo per le lunghe. Devono assumere più donne. Nei casi peggiori, rischiano la chiusura”. La durissima dichiarazione arriva da Laila Daavoey, ministro norvegese per l’infanzia e la famiglia.

Nel 2002, infatti, il Parlamento norvegese ha votato una legge che impone alle aziende di avere nel boardroom almeno il 40% di rappresentanti di ogni sesso entro la metà del 2005. L’obiettivo era di ricordare anche ai leader aziendali che la Norvegia ha forti tradizioni di uguaglianza fra i sessi in tutti i settori della società, e le imprese non possono fare eccezione.

Evidentemente, però, le aziende non hanno raccolto l’indicazione del Parlamento, tanto che Daavoey ha fatto sapere che le organizzazioni che non si metteranno in regola entro il 2007 verranno chiuse dal Governo.

“Dal 2002 ad oggi la percentuale di donne nei board è cresciuta solo dal 6% all’11%”, ha sottolineato Daavoey. “Abbiamo migliaia di donne qualificate, le aziende possono scegliere fra la metà della popolazione adulta”.

Molti Paesi europei hanno una percentuale di donne nel board più elevata della Norvegia. Uno smacco per una Nazione che vanta nel Governo e nel Parlamento, rispettivamente, il 40% e il 37% di donne.

Daavoey ha anche assicurato che tutte le aziende pubbliche si sono adeguate alla legge: “Se possiamo assumere donne nelle aziende di Stato, perché le aziende private non possono fare lo stesso?”.

Invece, tra le aziende private c’è chi lamenta il fatto che un’imposizione di questo tipo le costringerà ad assumere donne poco qualificate soltanto per rispettare le quote previste dalla legge.

Infine, Daavoey si è detta certa che la minaccia di chiusura sarà uno sprone perle organizzazioni private: “Non credo che le aziende si infileranno in una situazione nella quale rischiano la chiusura. Ovviamente troveranno le donne da assumere”.

7/4/2005

------------ QUOTE ---------- la Norvegia ha forti tradizioni di uguaglianza fra i sessi in tutti i settori della società -----------------------------


------------ QUOTE ---------- tutte le aziende pubbliche si sono adeguate alla legge: “Se possiamo assumere donne nelle aziende di Stato, perché le aziende private non possono fare lo stesso?”. -----------------------------

Ovvia la risposta, le aziende pubbliche non sono mosse da prinipi d'efficenza e non devono
competere con le altre aziende per la loro sopravvivenza, quelle private invece sì.

Ecco perche nelle aziende private, anche in Norvegia, le donne ai vertici, sono poco presenti. ;)

COSMOS1 16/10/2005, 12:38

ragazzo, non è elegante nè virile mettersi in competizione con le donne. Un galantuomo lascia loro credere quel che preferiscono.
La QM non dipende dal fatto che noi dimostriamo a chissà chi che siamo più intelligenti, morali, perseveranti, etc. La QM come giustamente ricorda ANIMUS :CLAP--: è che l'ideologia che pervade la nostra società ci sta portando alla catastrofe, non solo gli UU ma anche le donne.
Se vogliamo sfuggire all'apocalisse dobbiamo invertire la rotta, che le donne imparino la sottomissione e gli uomini la responsabilità.
Tutto il resto è fumo.
Dorian Yates82 21/10/2005, 10:01

------------ QUOTE ---------- Un galantuomo lascia loro credere quel che preferiscono.
-----------------------------
essere galantuomo al giorno d'oggi non ha piu' senso
alberto s.c. 21/10/2005, 21:10

Per l'esistenza del galantuomo, o gentiluomo che dir si voglia, e' necessaria l'esistenza della
"gentildonna" . E se di gentiluomini oggi c'e' ne son pochi, le gentildonne invece sono praticamente
estinte.



Parte 1 di 1   

  Home | L'associazione | I principi | Collabora | La Mailig List | Il Forum | Contattaci ©2005 Uomini3000 - Marchio registrato - All right reserved