Approfondimenti

Home   La realtà   Archivio forum biennio 2004-2005   Archivio 23   pornodipendenza  

pornodipendenza



Uomini 3000

Discussione: pornodipendenza Cominciata da vincenzop
Parte 1 di 1   

vincenzop 3/10/2005, 09:40

Sono un ex pornodipendente e desidero parlarvi della dipendenza dalla pornografia da internet.
Le particolari modalità di offerta di pornografia da parte di internet hanno trasformato un consumo che poteva essere controllabile, in un consumo compulsivo ed assolutamente incontrollabile.
Le modalità psichico/fisiche di attuazione della contemplazione pornografica sono:
- masturbazione compulsiva e controllata, con lo scopo di rendere subliminale la visione/emozione
pornografica;
- annullamento completo della coscienza temporale: si possono trascorrere anche 10 ore davanti al
monitor, senza conseguenze fisiche immediate;
- annullamento delle esigenze psicofisiche: sonno, mangiare, bere, bisogni fisiologici;
- eiaculazione finale liberatoria (nel maschio), quale unica possibilità per riuscire ad interrompere
la trance pornografica.
La pornodipendenza modifica in modo negativo tutti gli aspetti della vita di un individuo: rapporti di lavoro, capacità di applicazione ed attenzione al proprio lavoro, applicazione allo studio, rapporti sociali in genere, in particolare rapporti di amicizia e di amore, capacità sessuale.
Per quanto riguarda, in particolare, la dinamica sessuale del pornodipendente maschio, le conseguenze (dove per le donne, per ovvii motivi, sussistono solo alcune di queste conseguenze) derivanti dalla fruizione prolungata, con modalità compulsivo/dipendente della pornografia sono:
- calo quasi assoluto del desiderio sessuale verso la propria partner, con una forma di fastidio per
il suo corpo;
- semiimpotenza o impotenza totale all'atto con una donna reale;
- possibilità di erezione (anche solo masturbatoria) ed eiaculazione solo
attraverso la visione di materiale pornografico;
- dolore quasi lancinante al momento dell’eiaculazione;
- condizionamento a guardare le donne reali solo ed esclusivamente come oggetti pornografici.
Il pornodipendente è solo nella sua disperazione, nella sua vergogna, nella sua mancanza di autostima. Si possono confessare tanti tipi di dipendenza (alcool, fumo, gioco d'azzardo, eroina, bulimia, chat, giochi di ruolo, eccesso di rapporti sessuali. Ma non si può confessare ad un estraneo di trascorrere ore ed ore davanti al monitor a guardare foto e filmini pornografici. E dopo ore che stai davanti a quel monitor maledetto, con il tuo pene in tensione tra le mani, o il tuo clitoride martoriato, quando ti senti esausto, quando senti che stai per impazzire, per poter riuscire a fermarti l’unica soluzione è l’eiaculazione (per il maschio). Ed hai il crollo verticale di quella assurda tensione. E ti dici che assolutamente quella è l’ultima volta, che ora hai capito, che da domani cambierà. E domani ricominci, esattamente nello stesso modo.

Io ce la ho fatta ad uscirne, il cammino è lungo e difficile, periodi di sobrietà esaltanti e ricadute devastanti, ma bisogna percorrerlo.
Nell’aprile 2003 ho fondato il gruppo di auto aiuto on line noallapornodipendenza. Ora siamo 1600 iscritti ed abbiamo ricevuto più di 7000 lettere. Vieni a trovarci, potrebbe esserti utile.

Vincenzo
www.noallapornodipendenza.it


COSMOS1 3/10/2005, 19:29

mannaggia che roba!!! davvero c'è gente presa così?
sarebbe interessante da sviscerare dal punto di vista della QM
io devo dire che la pornografioa in genere mi ha sempre disgustato, perchè non c'è nulla che odio di più della frase "guardare e non toccare".
Già odio abbastanza le ghiaccioline senza un goccio di sangue nelle vene che vanno in giro mezze nude ma non sanno cos'è un ormone neppure per sentito dire :wacko:
Poi quelle che aizzano i tuoi ormoni per professione... ma vaffanc... :alienff:
Reduan 3/10/2005, 19:42

Personalmente non mi riconosco in alcuno di quei sintomi; non so perchè, ma ho l'impressione che chi si occupa della QM non abbia di quei problemi. E' un'impressione che non riesco bene a definire perchè non ci ho riflettuto più di tanto.
Ammetto di essere indeciso se spostare o no questo thread in "Spam & C.", visto che non è granchè attinente con la QM e visto che si pubblicizza un sito.

Una curiosità: quante sono all'incirca, in percentuale, le donne vittime di questo problema ?

Modificato da Reduan - 3/10/2005, 20:43
Antony2 3/10/2005, 20:00

Vincenzop, … adesso va bene esagerare per “la morale”, però la porno-dipendenza non fa male a nessuno, … e nemmeno a te.

Ci ho pensato questi giorni, … se mi bastassero le foto di internet forse avrei risolto i miei problemi.

Come COSMOS1, avrei anch’io qualcosa da ridire sullo stile di quello che gira, … preferirei qualcosa di pornografico ma anche di elegante, … cosa molto difficile da trovarsi.

Sono davvero, … ma davvero impressionato nel costatare che le fanciulle pornografiche di internet sono “incalcolabili”, … migliaia di miliardi di facce; ma è possibile che ci siano più donne disponibili alla pornografia che gli uomini !?!

Beh, … credo di sì, in fondo, per dirla semplice … loro non devono “alzare la vela” dopo 5 minuti. ;)

PS: Moderatori, … se è troppo ditemelo.

animus 3/10/2005, 20:08

------------ QUOTE ---------- Personalmente non mi riconosco in alcuno di quei sintomi; non so perchè, ma ho l'impressione che chi si occupa della QM non abbia di quei problemi. E' un'impressione che non riesco bene a definire perchè non ci ho riflettuto più di tanto. -----------------------------
Hai proprio ragione.
Anch'io avevo un hard disk con gigabyte di film pornografici, ma da quando ho iniziato ad occuparmi seriamente della Qm, sai cosa ho fatto?

Li ho cancellati!


vincenzop 3/10/2005, 20:14

------------ QUOTE ---------- Personalmente non mi riconosco in alcuno di quei sintomi; non so perchè, ma ho l'impressione che chi si occupa della QM non abbia di quei problemi. E' un'impressione che non riesco bene a definire perchè non ci ho riflettuto più di tanto.
Ammetto di essere indeciso se spostare o no questo thread in "Spam & C.", visto che non è granchè attinente con la QM e visto che si pubblicizza un sito.

Una curiosità: quante sono all'incirca, in percentuale, le donne vittime di questo problema ? -----------------------------
Caro moderatore, ogni volta che al gruppo arriva una lettera di un uomo disperato, che chiede aiuto (e sono uomini di tutti i tipi: sposati, non sposati, giovanissimi, adulti, belli, brutti, disinvolti con le donne, impediti, ricchi e poveri ecc, e finora sono arrivate 7000 lettere), ogni volta mi viene un po' di angoscia: un altro uomo che soffre stupidamente. Tu dici che non ti riconosci in quei sintomi, ed io sono sinceramente felice per te. Ma il problema esiste e si va allargando sempre di più.
Questa dipendenza attiene particolarmente agli uomini: su 1700 iscritti ci sono 100 donne di pornodipendenti (che cioè hanno scoperto con angoscia la dipendenza del loro uomo) e 40 che si dichiarono pure loro dipendenti. Ora io credo che siano un numero maggiore, ma per le donne questa condizione è molto più vergognosa che per gli uomini. Anche perché loro sono costrette a visitare in maggioranza i siti gay.
Ormai questo sta diventando un problema sociale: negli Stati uniti ci sono 110 gruppi come il nostro su yahoo.com. E sempre negli Usa cominciano ad esserci i primi divorzi perché il marito pornodipendente trascura lsua moglie, dal punto di vista affettivo e dal punto di vista fisico.
Se vuoi ti fornisco altri dati, di tipo più scientifico.
Comunque, grazie per l'ospitalità.
Vincenzo
COSMOS1 3/10/2005, 20:22

scusa Vincenzo, ma proprio per l'impegno che ti sei assunto non ritieni che il fatto che la QM faccia da antidoto alla pornodipendenza sia in sè considerevole?
non potrebbe essere che la pornodipendenza nasca da un sentimento di inferiorità, di frustrazione, che gli UU bastonati da tutti i lati, introiettino il giudizio negativo delle donne su se stessi e divengano schiavi di pulsioni erotiche che hanno paura di orientare verso il proprio oggetto reale?
Ad esempio, tra i tuoi pd quanti valutano in modo negativo la prostituzione? perchè anzichè perdere tempo e soldi con internet con vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
Non sarebbe indispensabile risvegliare il loro amor proprio e spiegare loro che di fronte alla sproporzione ormonale la prostituzione è quasi una via d'uscita obbligata? di cui assolutamente non vegognarsi? e che invece dovrebbero vergognarsi le DD che provocano reazioni ormonali che non sono disposte a soddisfare?
questa è la QM
questa è la via d'uscita
anche dalla pd!
Reduan 3/10/2005, 20:30

------------ QUOTE ---------- Caro moderatore, ogni volta che al gruppo arriva una lettera di un uomo disperato, che chiede aiuto (e sono uomini di tutti i tipi: sposati, non sposati, giovanissimi, adulti, belli, brutti, disinvolti con le donne, impediti, ricchi e poveri ecc, e finora sono arrivate 7000 lettere), ogni volta mi viene un po' di angoscia: un altro uomo che soffre stupidamente. Tu dici che non ti riconosci in quei sintomi, ed io sono sinceramente felice per te. Ma il problema esiste e si va allargando sempre di più.
Questa dipendenza attiene particolarmente agli uomini: su 1700 iscritti ci sono 100 donne di pornodipendenti (che cioè hanno scoperto con angoscia la dipendenza del loro uomo) e 40 che si dichiarono pure loro dipendenti. Ora io credo che siano un numero maggiore, ma per le donne questa condizione è molto più vergognosa che per gli uomini. Anche perché loro sono costrette a visitare in maggioranza i siti gay.
Ormai questo sta diventando un problema sociale: negli Stati uniti ci sono 110 gruppi come il nostro su yahoo.com. E sempre negli Usa cominciano ad esserci i primi divorzi perché il marito pornodipendente trascura lsua moglie, dal punto di vista affettivo e dal punto di vista fisico.
Se vuoi ti fornisco altri dati, di tipo più scientifico.
Comunque, grazie per l'ospitalità.
Vincenzo -----------------------------
Prego.
Non ne sono ancora certo, ma credo che lo lascerò sul principale.

Vuoi la mia sincera opinione?
Era inevitabile che l'avvento di un nuovo mezzo di comunicazione, quale è la grande rete, creasse dei nuovi fenomeni e tra essi dei nuovi problemi.
Secondo me alcuni preferiscono la virtualità perchè è un surrogato della realtà.
Ma se in taluni casi (come il nostro) la virtualità ha effetti e riscontri nella realtà vera, e contribuisce, sul lungo, a modificarla, vi sono invece casi in cui il tutto rimane virtuale e basta, vedi il caso di cui ci parli.
Un surrogato della realtà. Molto più facile a realizzarsi.
Un possibile rimedio potrebbe consistere nel "rendere più facile" la realtà vera, meno irta di difficoltà , trabocchetti, trappole, punizioni ingiuste e illogiche.
In altre parole, se le donne italiane fossero meno "difficili" (meno "montate sulle biglie quadre", si direbbe dalle mie parti), forse anche il problema di cui ci parli avrebbe dimensioni molto minori.

Modificato da Reduan - 3/10/2005, 21:34
Antony2 3/10/2005, 20:32

------------ QUOTE ---------- scusa Vincenzo, ma proprio per l'impegno che ti sei assunto non ritieni che il fatto che la QM faccia da antidoto alla pornodipendenza sia in sè considerevole?
non potrebbe essere che la pornodipendenza nasca da un sentimento di inferiorità, di frustrazione, che gli UU bastonati da tutti i lati, introiettino il giudizio negativo delle donne su se stessi e divengano schiavi di pulsioni erotiche che hanno paura di orientare verso il proprio oggetto reale?
Ad esempio, tra i tuoi pd quanti valutano in modo negativo la prostituzione? perchè anzichè perdere tempo e soldi con internet con vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
Non sarebbe indispensabile risvegliare il loro amor proprio e spiegare loro che di fronte alla sproporzione ormonale la prostituzione è quasi una via d'uscita obbligata? di cui assolutamente non vegognarsi? e che invece dovrebbero vergognarsi le DD che provocano reazioni ormonali che non sono disposte a soddisfare?
questa è la QM
questa è la via d'uscita
anche dalla pd! -----------------------------
Hai detto bene COSMOS1, anche se in altre parole, … con le donne quelle che si preparano a “starti insieme” finiscono per “castrarti”.

Prima sei affascinato da quanto sono simpatiche, poi queste “belle” iniziano a “suggerirti” dei cambiamenti che devi fare, … essendo leggeri li fai per farla felice.

Poi la “sbarra delle pretese” si alza … e alla fine rimani sotto.

Alla fine è questo: Si lamentano che non sei più lo stesso di prima, … dopo che ti hanno tormentato per cambiare.

C’era una canzone che ricordo, scritta non vuol dire niente, era una canzone parlata tra un uomo e una donna, purtroppo ricordo solo questa "solfa" che riporto sotto: -_-

La donna: “Devi cambiare !!!! “
L’uomo: “Sono cambiato….”
La donna: “Non sei più lo stesso !!!”

Modificato da Antony2 - 3/10/2005, 21:33
vincenzop 3/10/2005, 20:57

------------ QUOTE ---------- ------------ QUOTE ---------- scusa Vincenzo, ma proprio per l'impegno che ti sei assunto non ritieni che il fatto che la QM faccia da antidoto alla pornodipendenza sia in sè considerevole?
non potrebbe essere che la pornodipendenza nasca da un sentimento di inferiorità, di frustrazione, che gli UU bastonati da tutti i lati, introiettino il giudizio negativo delle donne su se stessi e divengano schiavi di pulsioni erotiche che hanno paura di orientare verso il proprio oggetto reale?
Ad esempio, tra i tuoi pd quanti valutano in modo negativo la prostituzione? perchè anzichè perdere tempo e soldi con internet con vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
Non sarebbe indispensabile risvegliare il loro amor proprio e spiegare loro che di fronte alla sproporzione ormonale la prostituzione è quasi una via d'uscita obbligata? di cui assolutamente non vegognarsi? e che invece dovrebbero vergognarsi le DD che provocano reazioni ormonali che non sono disposte a soddisfare?
questa è la QM
questa è la via d'uscita
anche dalla pd! -----------------------------
Hai detto bene COSMOS1, anche se in altre parole, … con le donne quelle che si preparano a “starti insieme” finiscono per “castrarti”.

Prima sei affascinato da quanto sono simpatiche, poi queste “belle” iniziano a “suggerirti” dei cambiamenti che devi fare, … essendo leggeri li fai per farla felice.

Poi la “sbarra delle pretese” si alza … e alla fine rimani sotto.

Alla fine è questo: Si lamentano che non sei più lo stesso di prima, … dopo che ti hanno tormentato per cambiare.

C’era una canzone che ricordo, scritta non vuol dire niente, era una canzone parlata tra un uomo e una donna, purtroppo ricordo solo questa "solfa" che riporto sotto: -_-

La donna: “Devi cambiare !!!! “
L’uomo: “Sono cambiato….”
La donna: “Non sei più lo stesso !!!” -----------------------------
Va bene. Ammettiamo che il tuo ragionamento e quello sia COSMOS sia esatto. Ma allora quale è la soluzione?
Da quando io ho smesso di immergermi nella mia trance pornografica ho ricominciato a guardare le donne senza timore, con emozione, provando quella bellissima tensione erotica che per tanti anni ho rivolto follemente a quelle sacre immaginette sul vetro.

Vincenzo
Antony2 3/10/2005, 21:08

------------ QUOTE ---------- Va bene. Ammettiamo che il tuo ragionamento e quello sia COSMOS sia esatto. Ma allora quale è la soluzione?
..... -----------------------------
E' proprio questo il punto: La soluzione non esiste, ... e nessuno l'ha mai trovata.

Guarda quanti libri si sono sprecati su questo tema, ... intanto nemmeno Dante ha capito niente.

La pornografia, ... è una conseguenza, ... non il sintomo.
tyrtix 4/10/2005, 00:10

La canzoncina citata è quella di Elio e le storie tese.. ormai ha almeno 15 anni, ma rispecchia in toto i nostri problemi, sotto molti punti di vista, così come lo fa un'altro grandissimo, bellissimo film, che si intitola "Un giorno di ordinaria follia".
Per quel che riguarda il fenomeno portatoci alla luce da VincenzoP (benvenuto!) dico la mia: la pornografia in genere nasce dall'esigenza di soddisfare un bisogno sessuale, spesso, oggi, difficilissimo da appunto soddisfare. Questo porta ovviamente a trovare, ideare e interiorizzare una soluzione rapida e apparentemente indolore come questo tipo di pornografia.
Evidente segno di ciò che ormai non trova nessuno sbocco, nessuna via d'uscita, questo fenomeno è solo l'ennesima ferita dal quale esce il marcio che la società (specie quella femministizzata) che ci circonda sta creando.
Maurizio@ 4/10/2005, 05:25

------------ QUOTE ---------- scusa Vincenzo, ma proprio per l'impegno che ti sei assunto non ritieni che il fatto che la QM faccia da antidoto alla pornodipendenza sia in sè considerevole?
non potrebbe essere che la pornodipendenza nasca da un sentimento di inferiorità, di frustrazione, che gli UU bastonati da tutti i lati, introiettino il giudizio negativo delle donne su se stessi e divengano schiavi di pulsioni erotiche che hanno paura di orientare verso il proprio oggetto reale?
Ad esempio, tra i tuoi pd quanti valutano in modo negativo la prostituzione? perchè anzichè perdere tempo e soldi con internet con vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
Non sarebbe indispensabile risvegliare il loro amor proprio e spiegare loro che di fronte alla sproporzione ormonale la prostituzione è quasi una via d'uscita obbligata? di cui assolutamente non vegognarsi? e che invece dovrebbero vergognarsi le DD che provocano reazioni ormonali che non sono disposte a soddisfare?
questa è la QM
questa è la via d'uscita
anche dalla pd! -----------------------------
Sottoscrivo ogni tua parola e aggiungo che non è certamente un caso se, nella stragrande maggioranza dei casi, i pornodipendenti sono maschi anziché femmine.

Modificato da Maurizio@ - 4/10/2005, 06:39
Maurizio@ 4/10/2005, 05:32

Caro Vincenzo,
solo un consiglio: non perdere tempo con gente tipo Maurizio Costanzo.
E' assolutamente inutile.
Maurizio@ 4/10/2005, 05:53

------------ QUOTE ---------- Vincenzop, … adesso va bene esagerare per “la morale”, però la porno-dipendenza non fa male a nessuno, … e nemmeno a te.

Ci ho pensato questi giorni, … se mi bastassero le foto di internet forse avrei risolto i miei problemi.

Come COSMOS1, avrei anch’io qualcosa da ridire sullo stile di quello che gira, … preferirei qualcosa di pornografico ma anche di elegante, … cosa molto difficile da trovarsi.

Sono davvero, … ma davvero impressionato nel costatare che le fanciulle pornografiche di internet sono “incalcolabili”, … migliaia di miliardi di facce; ma è possibile che ci siano più donne disponibili alla pornografia che gli uomini !?!

Beh, … credo di sì, in fondo, per dirla semplice … loro non devono “alzare la vela” dopo 5 minuti.  ;)

PS: Moderatori, … se è troppo ditemelo. -----------------------------
Antony,
io ho conosciuto qualcuno che ha frequentato gli ambienti hard e pertanto ti posso dire che, rispetto agli uomini, le ragazze disponibili al porno sono molte di più in Paesi quali l'Ungheria o la Repubblica Ceka (tanto per citarne due) ma non l'Italia.
(Questo per tutta una serie di motivi socio-culturali che ora non ho il tempo né la voglia di spiegare).
Però devi sapere anche che la "molla" principale che spinge le donne a girare dei film porno è il denaro, al contrario degli uomini, per i quali è la fica il motivo n. 1.
Tra l'altro la carriera delle attrici professioniste è (di norma) più breve di quella degli attori professionisti, anche se questo permette loro di guadagnare di più rispetto a quest'ultimi (anche dieci volte, negli Stati Uniti - fonti sicure).
-------------------------------------------------------------

PS:
Auguri COSMOS.

Modificato da Maurizio@ - 4/10/2005, 13:32
Barnart 4/10/2005, 08:14

Davvero interessante.

Non per stare dalla parte dei maschi ed accusare l'ideologia maligna e la mala deriva dei nostri tempi (lungi da me...) ma ricordo che in calce alla home del sito è riportata la profezia di Cioran:

"... continueranno ad allontanarsi l'uno dall'altra:

... la pederastia e l'onanismo, proposti dalle scuole e dai templi, conquisteranno le folle..."


Certo, vi sono altre concause, ma cmq poche cose meglio di questa manifestano la lacerazione in corso F/M.

Il corpo virtuale, il coito visto/immaginato diventano sempre più appetibili via via che la donna in carne ed ossa diventa sempre più pericolosa e costosa. Sempre più lontana. La profezia di Cioran, alla fin fine, è davvero ovvia nelle sue conclusioni: la Grande Lacerazione non può che produrre una cascata di guasti. A pagare, in modo più visibile e più immediato sono gli uomini.
Poi toccherà alle donne.

Siamo qui per contrastare questo trend, per fermare la lacerazione, ma forse, come è per molte patologie, un certo ciclo si deve compiere prima che la medicina inizi a diventare efficace.

Rino





lelen 5/10/2005, 00:40

------------ QUOTE ---------- vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
-----------------------------
No forse perché hanno una coscienza che a te evidentemente manca.
(Perché non con una bella italiana, magari minorenne, magari tua sorella?)

Modificato da lelen - 5/10/2005, 01:42
Maurizio@ 5/10/2005, 05:41

------------ QUOTE ---------- ------------ QUOTE ---------- vanno a cercarsi una bella albanese all'angolo della strada?
forse perchè soffrono di sensi di inferiorità?
-----------------------------
No forse perché hanno una coscienza che a te evidentemente manca.
(Perché non con una bella italiana, magari minorenne, magari tua sorella?) -----------------------------
Seriamente: non credo che tu sia in grado di comprendere certi discorsi.
Ti dirò di più: leggendo i vecchi post mi sono convinto che tu abbia una paura del sesso semplicemente "straordinaria".
Per concludere: se le donne se la tirassero di meno gli uomini non sarebbero costretti a pagare... ;)
(Perciò la responsabilità di tutto ciò è di chi detiene il vero potere...).

PS:
Secondo me, tu provi anche una fortissima invidia nei confronti degli uomini, tanto è vero che se potessi rinascere vorresti appartenere proprio al genere che tanto critichi e detesti. ;)
(Sì, lo so, "mi sto sbagliando"!... :D )

Modificato da Maurizio@ - 5/10/2005, 06:51
tyrtix 5/10/2005, 11:41

Lelen, il tuo messaggio è un pò offensivo, non è meglio che ti dai una calmata nel rispondere alle persone del ?
Perchè, forse quelli che soffrono di questo problema (che tu evidentemente bolli solo come cosa ignobile), non "sfruttano" le ragazze che fanno quei film e quelle foto? Non facciamo troppo i moralisti su questi argomenti, e restiamo nel campo dei discorsi e non delle offese.
lelen 5/10/2005, 12:36

Ho reagito in maniera forte (non offensiva, ormai dovreste aver capito come uso il linguaggio ed è inutile che cerchiate sempre il pelo nell'uovo pe rmazziarmi e devitare così il vero confronto) per sottolineare il disgusto provato sentendo parlare Cosmos di una ragazza albanese( per strada e non squillo di lusso) da usare a piacimento, pur sapendo che moltissime minorenni e non albanesi sono costrette a prostituirsi; e avendo un marito che proviene da quelle parti so cosa dico (del resto, mi pare, questa aberrante realtà non è un mistero per nessuno ormai).
Chi si dovrebbe dunque vergognare qui delle proprie affermazioni? Come al solito Tyrtix sei di parte. In quanto a te Maurizio, che non fai che ripetere le cosa già dette d a molti qui (ma siamo sicuri che sei nuovo?) e in merito alla ia presunta sessuofobia no comment. Infatti considero questa tua affermazion una del soliti infantili strategie messe in atto per provocarmi. Se hai adrenalina da scaricare, fallo ma evita di farlo con la sottoscritta. STOP.
(Da ora in poi non ti risponderò più se ti dimostrerai ancora così negativo ossia senza la minima volontà di avere uno scambio genuino, leale e quindi costruttivo con me).
tyrtix 5/10/2005, 12:48

C'è sempre modo e modo di dire le cose, ma tu guarda caso, sorpassi sempre la misura Lelen... Fai come ti pare, ma avrai quel che meriti, lo sai e dovresti averlo capito qua: noi non ci pieghiamo.

Ps: ricordati che le tue limitazioni a numero e lunghezza dei messaggi sono sempre attivi: in questi giorni sei andata ben oltre la quantità consentita, e nessuno ha detto/fatto niente. ma cerca comunque di contenerti, almeno per le risposte inutili come in alcuni degli ultimi post.

Modificato da tyrtix - 5/10/2005, 13:51
Antony2 5/10/2005, 14:43

------------ QUOTE ---------- ................ per sottolineare il disgusto provato sentendo parlare Cosmos di una ragazza albanese( per strada  e  non squillo di lusso) da usare a piacimento, pur sapendo che moltissime minorenni e non albanesi sono costrette a prostituirsi -----------------------------
Temo che sei fuori linea Lelen, ;)

Le ragazze che dici “costrette”, lo fanno nel loro paese in tutta libertà come all’estero, lo fanno perché male o bene che vada guadagnano più di qualsiasi donna lavoratrice europea. Ne ho conosciuta una che si è reciclata come "brava ragazza" una volta tornata nel suo paese. Ma si capisce solo quando fai l'amore con con Lei, ... se questa ha fatto questo tipo di professione. C’è un enorme differenza nel fare l’amore con una che non si è mai prostituita ed una che l’ha fatto. Io non sono affatto contro, anche se una mia compagna dovesse essersi fatta mezza Europa Unita, … mi basta solo che non mi racconti palle, … invece, nel mio caso, me le raccontò a tutto spiano. Facile capire, ... facile come dire Buongiorno.

In Romania, dove sono stato per quasi un anno, ...e quindi non sono parole di fumo (c’è una canzone con questo termine ? Vabbè … lasciamo stare). Le ragazze Rumene si trovano anche su un sito internet dove tutte le indipendenti si lanciano in questa “professione”. Se non ci credi vedo di ritrovare il Sito, … ci metto un po’ però.

Se mi posso permettere: piantiamola una buona volta di parlare di “costrizione”, se sei maggiorenne puoi rifiutare. Invece questa storia della “costrizione” è nata quando l’Italia si è proposta di dare un SOSTEGNO a queste donne. Inutile dire che questo genere di donne sono abituate ad essere arriviste e voltagabbana, … se io avessi fatto il "prostituto" sarei forse 10 volte più paraculo (termine presente anche nel vocabolario italiano).

Sono state fatti anche dei documentari dove è chiaro che qualsiasi donna è consapevole del lavoro che farà una volta espatriata. Anche perchè in Albania hanno tutti la parabolica, ... quindi, non manca l'informazione.

All’estero risulta come negli Stati Uniti, dove la “prostituta” è stufa di non guadagnare il 100% del suo lavoro, se la prende con il Pappone, anche se quest'ultimo l’ha aiutata a trovare le zone dove lavorare indisturbata, un alloggio ecc.

.
PS: Sulle minorenni invece, nulla giustifica e sono a favore della pena di morte per quelli che le usano.

Modificato da Antony2 - 5/10/2005, 16:02
lelen 5/10/2005, 18:12

Ho parlato di ragzze albanesi. E ho sottolineato che mio marito conosce perfettamente quella realtà. Molte donne anche giovanissime, vengono rapite mentre vanno al lavoro o a fare la spesa o a scuola e portate in Italia. Robellarsi? A 18, 20 anni? O anche a 30 quando ti pestano a sangue, minacciando di morte te e i tuoi familiari? Vorrei vedere voi se riuscireste ad avere tutto 'sto coraggio! Questa è una realtà e anche piuttosto estesa che ci piaccia o no e trovo davvero fuori luogo farci battute superficiali come ha fatto Cosmos.
Poi se volete continuare a chiudere gli occhi per giustificare le vostre scelte problema vostro.
Dimenticavo... è di questi giorni la notizia di prostitute africane plagiate per l'ennesima volta tramite la paura dovuta ai riti voodoo.
Antony2 5/10/2005, 18:29

------------ QUOTE ---------- Ho parlato di ragzze albanesi. E ho sottolineato che mio marito conosce perfettamente quella realtà. Molte donne anche giovanissime, vengono rapite mentre vanno al lavoro o a fare la spesa o a scuola e portate in Italia. Robellarsi? A 18, 20 anni? O anche a 30 quando ti pestano a sangue, minacciando di morte te e i tuoi familiari? Vorrei vedere voi se riuscireste ad avere tutto 'sto coraggio! Questa è una realtà e anche piuttosto estesa che ci piaccia o no e trovo davvero fuori luogo farci battute superficiali come ha fatto Cosmos.
Poi se volete continuare a chiudere gli occhi per giustificare le vostre scelte problema vostro.
Dimenticavo... è di questi giorni la notizia di prostitute africane plagiate per l'ennesima volta tramite la paura dovuta ai riti voodoo. -----------------------------
Non metto in discussione quello che dice il tuo bello.

Il sequestro di persona è un crimine severamente punito anche in Africa, ... mi permetti di dubitare di questo genere d'informazione ?

Questa è robaccia che gira nei corridoi, ... io sto parlando di fatti, ... non di deliri.

Ma credi davvero che questa roba da cinema esista !?!

Dovresti farti un giro nel sito dell'Interpol: http://www.interpol.int/

Cinque secondi dopo che hai mandato una e-mail a questa istituzione scatta l'assalto a questo genere di persone, e ti assicuro che funziona.

Questo è quello che si può fare se non si vuole, ... altro discorso è quando si è consenzienti.

PS: non raccontare fandonie, ... non esiste questa storia dei parenti che vengono minacciati, ... esistono invece quando ci sono dei debiti in circolo già in essere, ... e questa è un'altra storia. Se io fossi costretto a pagare per i miei genitori, ... mi sarebbe semplice rispondere: ammazzateli tutti.


COSMOS1 16/10/2005, 14:22

------------ QUOTE ---------- Ho parlato di ragzze albanesi. E ho sottolineato che mio marito conosce perfettamente quella realtà. Molte donne anche giovanissime, vengono rapite mentre vanno al lavoro o a fare la spesa o a scuola e portate in Italia. Robellarsi? A 18, 20  anni? O anche  a 30 quando ti pestano a sangue, minacciando di morte te e i tuoi familiari? Vorrei vedere voi se riuscireste ad avere tutto 'sto coraggio! Questa è una realtà e anche piuttosto estesa che ci piaccia o no e trovo davvero fuori luogo farci battute superficiali come ha fatto Cosmos.
Poi  se volete continuare a chiudere gli occhi per giustificare le vostre scelte problema vostro.
Dimenticavo... è di questi giorni la notizia di prostitute africane plagiate per l'ennesima volta tramite la paura dovuta ai riti voodoo. -----------------------------
dunque, io sono una persona seria e parto dall'idea che anche gli altri siano persone serie.
Io ritengo che se avessi incontrato o sentito parlare o avuto il lontanissimo sospetto che una qualunque persona (MM o FF conta poco) in Italia vivesse da schiava, mi precipiterei dalla polizia con nome e cognome e non mi darei pace finchè la situazione non fosse risolta.
Se Lelen è a conoscenza di situazioni di questo tipo e mangia e beve tranquilla alla propia tavola, dorme sonni profondi nel suo letto, significa che è una SQUALLIDA COMPLICE, UNA MENTECATTA, ASSASSINA, SFRUTTATRICE, UNA **** SENZA SCUSANTI, E MI FERMO SOLO PERCHE' NON HO AGGETTIVI PIU' PESANTI.
Se invece parla per sentito dire di cose che non conosce, bè, è una femmina...
e questo vale per tutti coloro che danno fiato alla leggenda metropolitana della prostituzione coatta. Chi sa parli, e gli altri per favore stiano zitti.

Modificato da Reduan - 16/10/2005, 17:05
COSMOS1 30/10/2005, 09:36

altrove Sua Eminenza ha postato questa notizia:

Fare sesso con prostitute sfruttate è stupro

LONDRA:

Gli uomini che pagano per avere rapporti sessuali con donne costrette alla prostituzione potrebbero essere perseguiti per stupro.
Lo ha detto il sottosegretario all'interno inglese Ogni volta che un uomo, consapevolmente fa sesso con una donna contro la sua volontà, questo è stupro Per esempio, se una donna dice ad un uomo che ha pagato per avere un rapporto sessuale con lei, di essere stata avviata all aprostituzione con la coercizione, egli non può ragionevolmente ritenere che sia liberamente consensiente
Pertanto, procedere senza tenere conto di ciò, sarebbe violenza sessuale Le affermazioni non preconizzano modifiche legislative, ma potrebbero indicare un cambiamento nel modo di interpretare le leggi In Inghilterra, non è reato prostituirsi, ma lo è lo sfruttamento della prostituzione

Fonte: Ansa / City


diciamo ke, se il fatto è provato in senso positivo e non per presunzione, cioè se l'onere della prova è di ki accusa e non di ki viene accusato, questa impostazione mi trova consensinte :woot:

Please, non inorridite: certo che nessuno ha il diritto in alcun modo di abusare di chicchessia venga costretto a fare qualunque cosa contro la sua volontà, che si tratti di un bambino che lavora in fabbrica o di una prostituta.

Il problema però è ke ho l'impressione ke il fatto ke la donna si prostituisca contro la propria volontà in certi ambienti corra il rischio di diventare un dogma, un preconcetto, xkè c'è gente così schizzata da nn concepire ke altri possano essere liberi di fare quel ke vogliono, e soprattutto ke altri si possano ritenere liberi di fare ciò ke loro vorrebbero tanto fare e non fanno per repressione dei propri istinti. Vedi la Livia Turco: ma secondo voi non se lo sogna tutte le notti di farsi sbattere da tutti quelli ke passano x strada? :wacko:
Così la poveretta si permette di dire che gli UU che vanno con prostitute dovrebbere essere messi in galera. Ma certo: xkè si sbattono altre e non lei, è questo il loro imperdonabile crimine. :alienff:
Parte 1 di 1   

  Home | L'associazione | I principi | Collabora | La Mailig List | Il Forum | Contattaci ©2005 Uomini3000 - Marchio registrato - All right reserved